Un viaggio nello spettacolo

Un viaggio nello spettacolo

Che il viaggio abbia inizio

Chiacchierando con gli autoriInterviste

Festival della Letteratura Sportiva: Anna Calì ci presenta “Passione Azzurra”

image_pdfimage_print

Anna Calì: “Ecco Passione Azzurra ” .

"Passione Azzurra" di Anna Calì

Il 2 ottobre ha avuto luogo presso il Lungomare Caracciolo di Napoli, l’inaugurazione del Festival della letteratura sportiva, ideata dal giornalista Tommaso Mandato. Per l’occasione ho intercettato per voi la giornalista e scrittrice Anna Calì per parlare del suo libro Passione Azzurra, pensato per raccontare lo scudetto e l’amore per il Napoli ai più piccoli. Ecco cosa mi ha detto:

Ciao Anna, è un piacere chiacchierare con te. Sei tifosissima del Napoli ma parlaci un po’ di te.

Ciao Anastasia, in primis ti ringrazio per avermi dato la possibilità di ospitarmi nel tuo salotto e di darmi l’opportunità di parlare a tutti del mio libro. Ho 27 anni, sono di Napoli. Ho fatto della mia passione più grande un lavoro e ora sono in attesa di una notizia bella (che, condividerò con voi, solo successivamente. Essendo napoletana sono molto scaramantica).

Hai scritto un libro sul Napoli adattandolo ai più piccoli. Com’è nata questa idea?

L’idea è nata per puro caso un sabato mattina di gennaio. Il mio editore Moreno di Officina Milena mi chiamò per dirmi che aveva intenzione di pubblicare un libro per bambini sul Napoli e, visto che sa quanto io sia tifosa mi chiese di pensare a una storia accattivante. La prima bozza parziale doveva essere pronta dopo 3gg. Subito mi misi al lavoro ed è nata la storia di Andrea Protagonista è una bambina di 7 anni.

Come racconteresti ad un bambino il 3 scudetto?

Bella domanda, complimenti. Il Napoli a un bambino di 3 anni è sia facile che difficile da raccontare. Facile perché lo si può far vedere le fotografie, le illustrazioni presenti nel libro e parlare in modo fantasioso non allontanandoci troppo dalla realtà. Difficile perché i bambini in quella età tendono maggiormente a distrarsi e, magari potrebbero non appassionarsi subito al calcio.

Le illustrazioni sono opera di Annalisa Maggio. Com’è nata la vostra collaborazione?

Annalisa Maggio l’ho conosciuta grazie a un amico in comune. Avevo bisogno di un’illustratrice brava e lui mi diede subito il suo numero. Con lei ci siamo trovate sin dalla prima volta. È stata brava a trasformare nel disegno tutto ciò che ho descritto tramite le parole. Anzi, il più delle volte era lei stessa a darci dei consigli e ad aggiungere dei dettagli.

Cosa diresti a Luciano Spalletti?

Ho avuto il piacere di conoscere Luciano Spalletti e di consegnargli il mio libro “Passione Azzurra”. La prima cosa che gli dissi fu: “Mister, lei ha fatto un regalo a tutti noi tifosi, oggi sono io a fare un regalo a lei” e gli aprì la pagina con la sua illustrazione. Rimase molto contento e fece gli occhi lucidi. Un momento che non dimenticherò mai.

Ora ti faccio una domanda un po’ “spigolosa”. Cosa cambieresti di questo Napoli?

Un’altra bella domanda, veramente! Menomale che non ci siamo conosciute all’inizio del campionato, altrimenti avrei risposto in maniera burbera (rido). Ti dico che il Napoli nelle ultime 3 gare ha dimostrato di essere compatto, unito e di saper ancora giocare a calcio. Per ora non cambierei niente, tranne, alcuni problemucci in difesa (facilmente risolvibili). Per il resto va bene così e mi godo le soddisfazioni che ci daranno ancora per un bel po’. Ne sono certa. Grazie per il tempo che mi hai dedicato.

/ 5
Grazie per aver votato!

unviaggionellospettacolo

Mi chiamo Anastasia Marrapodi e sono giornalista pubblicista iscritta all'Ordine dei giornalisti della Regione Campania. Mi occupo di musica, spettacolo, libri e cultura.