Un viaggio nello spettacolo

Un viaggio nello spettacolo

Che il viaggio abbia inizio

Interviste

Intervista di presentazione della concorrente dello Scampia Musical Festival,Maria Morra

image_pdfimage_print


Come ti chiami?
Ciao mi chiamo Maria Morra.
A che età hai iniziato ad interessarti alla musica?
La mia passione per la musica è nata sin da piccola,ma ho deciso di frequentare una scuola di canto all’età di 7 anni.
Come stai vivendo l’esperienza dello Scampia Musical Festival?
Penso che sia una bella esperienza e sono molto contenta di partecipare a questo Festival,dato che potrebbe essere un’opportunità per la mia passione.
Come sei venuta a conoscenza del festival?
Attraverso la mia insegnante di canto.
E’ la tua prima partecipazione oppure hai provato in altre edizioni?
E’ la mia prima partecipazione.
Come pensi che sarà la nuova edizione ai tempi del Covid-19?
Sicuramente sarà diversa e un pò malinconica dato che non si potrà avere un contatto fisico con gli altri partecipanti e non si potrà sentire l’emozione di cantare sul palco.
Il tuo sogno nel cassetto?
Diventare una cantante per poter far capire agli altri quanto sia bello il legame con la musica e anche,ovviamente,per poter esprimere il mio amore per il canto.
Conosci gli altri concorrenti?
Alcuni sì.
In genere nei concorsi,si tende a fare conoscenze e spesso,nascono amicizie.
Sì infatti ma purtroppo questa volta a causa del Covid-19 non è possibile.
Collaboreresti o duetteresti con qualcuno di loro?
Ho avuto già l’opportunità di collaborare con Antonio Paglionico e Floriana Bevilacqua,concorrenti di questo festival.Quindi sì,lo farei volentieri.
Molto spesso gli artisti emergenti per far conoscere la loro musica,prendono parte ai Talent.Sei pro o contro?
Sono pro.
I tuoi come hanno reagito appena hai espresso il desiderio di fare musica?
Fortunatamente non sono contrari ma sperano sempre che io affronti ogni esperienza in questo campo con i piedi di piombo.
Il tuo cantante preferito?
Ultimo.
Per quanto riguarda le voci femminili?
Laura Pausini e Noemi.
Cosa provi ogni volta che impugni il microfono?
Ogni volta che canto è sempre un modo per sfogarmi o per esprimere qualcosa quindi sono sempre felice.
Quali sono secondo te i lati positivi per un cantante?
Trasmettere le proprie emozioni al pubblico.
E quelli negativi?
Possono perdere il legame con la famiglia o anche gli amici dato che avranno tanti impegni.
Quanto è importante per un’artista raggiungere un’identità artistica secondo te?
Penso sia la cosa più importante per un cantante.

/ 5
Grazie per aver votato!

unviaggionellospettacolo

Mi chiamo Anastasia Marrapodi e sono giornalista pubblicista iscritta all'Ordine dei giornalisti della Regione Campania. Mi occupo di musica, spettacolo, libri e cultura.