Matilde di Canossa: Cinzia Giorgio ci presenta Io sono la Contessa

image_pdfimage_print

Due chiacchiere con Cinzia Giorgio per parlare di Matilde di Canossa

Il 23 gennaio 2024 è uscito il nuovissimo romanzo di Cinzia Giorgio, autrice già di Cassandra e pubblicato con la Newton Compton Editori. Ne abbiamo parlato con l’autrice che tra un impegno e l’altro siamo riusciti a raggiungere telefonicamente. Ecco l’intervista:

Ciao Cinzia e bentrovata in Un viaggio nello spettacolo. Il 23 gennaio è uscito  il tuo nuovo romanzo Io sono la Contessa edito Newton Compton Editori. Come ti senti?

“Emozionata come sempre quando esce un mio romanzo, sono piena di pensieri e di sensazioni che vanno dalla paura alla gioia”.

Chi è Matilde di Canossa e perché hai scelto di scrivere un romanzo su questo personaggio storico?

“Come ben sai io ho insegnato storia delle donne per quasi vent’anni e continuo ancora ora a studiare e insegnare storia. Per me possiamo solo imparare dallo studio di chi siamo stati e da chi proveniamo. Ho scelto la contessa di Canossa perché è stata una donna moderna e coraggiosa. Volevo raccontare la sua vita”. 

Sei reduce del successo di Cassandra sempre edito Newton Compton Editori. Cosa ci dobbiamo aspettare da Io sono la Contessa?

“Matilde di Canossa è certamente un esempio fulgido di una donna straordinaria di cui si parla sempre troppo poco”. 

Tu sei ricercatrice e in particolare ti occupi della storia delle donne. Che sensazioni provi quando prendi in mano un manoscritto?

“È un’emozione immensa. Pensare che quel documento lo abbiano redatto e poi studiato altri prima di te ti fa sentire parte della storia”. 

Sinossi

Mentre sta lavorando al restauro di una preziosa copia della Vita Mathildis, la biografia ufficiale di Matilde di Canossa scritta da Donizone, la professoressa Demetra Fusselman fa una scoperta che la lascia di stucco. Nascosto tra le pagine del manoscritto c’è infatti un altro in folio, che riporta una firma inequivocabile: “Matilda. Dei gratia si quid est”. Demetra si rende subito conto di avere tra le mani un vero e proprio memoir, scritto di suo pugno dalla signora di Canossa.
Si dipana così l’epopea della celebre contessa. Una storia inizialmente sciagurata, tra la prigionia insieme alla madre su ordine dell’imperatore Enrico III e il triste matrimonio con il fratellastro Goffredo il Gobbo, ma che cambia in modo decisivo quando l’ancora giovane Matilde decide di prendere in mano le redini della sua esistenza e di fare la Storia.
Tra nobili, papi, intrighi di palazzo, amori e ambizione sfrenata, Matilde racconta la sua versione dei fatti e di come ha cambiato il proprio destino e quello di molti altri.

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da unviaggionellospettacolo

Mi chiamo Anastasia Marrapodi e sono giornalista pubblicista iscritta all'Ordine dei giornalisti della Regione Campania. Mi occupo di musica, spettacolo, libri e cultura.