Più libri più liberi: presentazione podcast “Bachmann” di Ilaria Gasparini

image_pdfimage_print

Presentazione podcast Bachmann di Ilaria Gasparini sono intervenuti: Rosella Postorino, Elena Stancanelli, Marco Filoni in collaborazione con Forum Austriaco di Cultura e Goethe-Institut

Nella giornata del 9 dicembre 2023 in occasione della Fiera Nazionale della Piccola e Media Editoria Più libri più liberi, Ilaria Gasparini ha presentato al pubblico il podcast Bachmann.

La presentazione si è tenuta alle ore 14.00 presso la Sala Marte del Centro Congressi La Nuvola di Roma, ed è stata moderata dalla scrittrice Rosella Postorino, la scrittrice e sceneggiatrice Elena Stancanelli e dall’autore Marco Filoni.

Il podcast

Il podcast di Ilaria Gasparini è composto da ben 7 episodi ed è ascoltabile su Spotify. Ogni episodio è realizzato oltre che con lo studio della stessa Gasparini anche con il contributo con grandi personalità nel mondo dello spettacolo.

Il primo episodio Viver ardendo, e non sentire il male per esempio vede la partecipazione della scrittrice ed editrice Ginevra Bompiani con il contributo delle CE Adelphi e Quodlibet. Le voci sono degli attori Giovanni Bussi, Veronica Rocca, Ivan Olivieri, Liliana Bottone e Antonella Civale( quest’ultima ha dato la voce a Ingeborg Backman).

Il secondo episodio A casa lavora la signora di notte? vede la partecipazione della scrittrice Rosella Postorino la quale ha condiviso con la padrona la propria testimonianza. In questa puntata hanno partecipato Antonella Civales e Piero Bardash per le letture.

Trailer podcast Bachmann di Ilaria Gasparini

Chi è Ingeborg Bachmann

Ingeborg Bachmann, nota anche come Ruth Keller, ottiene il Premio del Gruppo 47 per le poesie riunite ne Il tempo dilazionato, in cui i motivi ideologici della sua formazione intellettuale s’incontrano con il tema della generazione venuta dopo gli orrori della guerra nella dimensione d’un linguaggio spesso tormentato e astruso, ma sempre autentico.

Nella successiva raccolta, Invocazione all’Orsa Maggiore (1956), i nodi espressivi tendono a sciogliersi in un dettato più lucido, pur senza perdere di profondità.

Di singolare interesse sono altresì i volumi di racconti Il trentesimo anno (1961) e Simultan (1972) e il romanzo Malina (1971): pagine narrative caratterizzate da una intensa vibrazione poetica, anche se quasi sempre lontane dai moduli della prosa lirica.

/ 5
Grazie per aver votato!
About unviaggionellospettacolo 183 Articles
Mi chiamo Anastasia Marrapodi e sono giornalista pubblicista iscritta all'Ordine dei giornalisti della Regione Campania. Mi occupo di musica, spettacolo, libri e cultura.