Che il viaggio abbia inizio

Racconto ciò che leggo: Mia di Federica Flocco edito Polidoro

Racconto ciò che leggo: Mia di Federica Flocco edito Polidoro
image_pdfimage_print

MIA

Federica Flocco

Introduzione

Per la consueta rubrica “Racconto ciò che leggo” vi parlo di Mia primo lavoro editoriale di Federica Flocco, pubblicato con Polidoro Editore.

Recensione

Per una persona sensibile come me è stata dura leggere Mia fino alla fine ma questo accade quando un libro oltre ad essere ben fatto è anche scritto con il cuore e questo lo è entrambe le cose. Io parto con la citazione che ho trovato nella Quarta di copertina che per me è la chiave di lettura di tutto il libro

Per ogni Mia una ferita, per ogni ferita un Se, per ogni se una coltellata, per ogni coltellata un dolore, per ogni dolore una piaga, per ogni piaga una lacrima, per ogni lacrima una disperazione, per ogni disperazione un patimento, per ogni patimento una fuga, per ogni fuga una diserzione, per ogni diserzione un abbandono

Casualmente, mentre giravo tra gli scaffali della libreria iocisto mi sono imbattuta in questo volumetto che ho preso tra le mani senza pensarci due volte, mi avevano colpita il titolo e la copertina realizzata da Anna Di Rosa alla quale mi permetto di fare i miei complimenti. Tornata a casa mi sono messa a leggere il libro e niente, me ne sono innamorata già dalle prime pagine. Mia grammaticalmente parlando è un aggettivo possessivo nella realtà, purtroppo indica il possesso: possesso della vita altrui come fosse un oggetto, lo stesso aggettivo che scatena la gelosia di alcuni mezzi uomini.

Personalmente mi rattrista che nel 2024 si parli ancora di violenza di genere, di femminicidio e che non si riesca a venire a capo a tutto ciò.

A tutto c’è una soluzione e per ogni giornata di temporale ce n’è sempre una con il sole che riaccende la speranza di una rinascita come per la protagonista Amalia.

Con questo volumetto Federica ha dimostrato oltre alla sensibilità non proprio scontata al giorno d’oggi ma ha dimostrato anche di essere una scrittrice con una penna raffinata.

Focus su Federica Flocco

Federica Flocco è nata a Napoli nel 1963. Laureata in giurisprudenza, giornalista pubblicista, scrittrice per passione, ballerina per amore, si è diplomata in tecnica jazz, insegnandola per anni, prima di diventare madre di quattro figli.

Ha iniziato a lavorare con i libri nel 1998 scrivendo recensioni per un quotidiano partenopeo, acquisendo così, una conoscenza profonda dell’editoria campana.

Dal 2008 collabora con Canale 21, una emittente televisiva regionale, per la quale cura la rubrica “Il libro della settimana”.
Lettrice competente e appassionata, saltuariamente ancora scrive su riviste di settore. Partecipa attivamente alla vita culturale della sua città curando eventi, moderazioni e presentazioni.

È stata presidente e membro di giuria di numerosi premi artistici e letterari. Attualmente è vicepresidente e membro del consiglio direttivo di iocisto, la prima libreria ad azionariato popolare, inaugurata a Napoli nel luglio 2014. Ha scritto il suo primo libro, mai pubblicato, a cinque anni. MIA è il suo esordio letterario.

Voto

5/5

Video

Correlati

Citazioni

Note

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da unviaggionellospettacolo

Mi chiamo Anastasia Marrapodi e sono giornalista pubblicista iscritta all'Ordine dei giornalisti della Regione Campania. Mi occupo di musica, spettacolo, libri e cultura.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.