Un viaggio nello spettacolo

Un viaggio nello spettacolo

Che il viaggio abbia inizio

RecensioneTeatro

Recensione: Sagoma-Monologo per luce sola di Nando Paone

image_pdfimage_print

Sabato 20 e domenica 21 gennaio presso il Teatro Sala Moliere di Pozzuoli è andato in scena lo spettacolo Sagoma-Monologo Per Luce Sola di e con Nando Paone.

Sagoma-Monologo per luce sola di Nando Paone

Protagonisti il maestro Nando Paone e il giovane e talentuoso attore Matteo Biccari.

Fabio Pisano ha scritto il testo mentre Davide Iodice ha curato la regia dello spettacolo.

È il racconto di un attore intento a trovare il controluce perfetto per il suo spettacolo che è forse più una risposta alla sua vita sovraesposta ai riflettori talvolta accecanti che non gli hanno sempre permesso di mostrarsi per quel che è, ma soltanto per quel che il pubblico vuole che lui sia.

Recensione di Sagoma-Monologo Per Luce Sola

Ho avuto modo di assistere personalmente allo spettacolo teatrale Sagoma-Monologo Per Luce Sola che ha visto protagonisti il maestro Nando Paone impeccabile e magistrale come sempre.

Protagonista anche il giovane ma allo stesso tempo talentuoso Matteo Biccari (che di talento ne ha da vendere e sono certa che sentiremo parlare di lui) su una scala che sposta i fari per trovare il contro perfetto.

I due parlano e interagiscono soltanto mediante la luce, portando la conversazione su un piano quasi monologico. 

Nel corso dello spettacolo si sono alternati momenti di comicità a momenti di riflessione sul ruolo di un attore infatti uno appeso su una scala, l’altro appeso sul palco, condividono la precarietà di un mestiere e di una esistenza dove il baratro è solo un quarto di passo oltre il segno fissato. 

Lo Zen e il Tiro con L’arco sono la guida, per il protagonista, e rappresentano la chiave di volta del suo essere lì, ora, in contro, per raggiungere il finale, l’epilogo da lui solo sognato o forse sperato.

/ 5
Grazie per aver votato!

unviaggionellospettacolo

Mi chiamo Anastasia Marrapodi e sono giornalista pubblicista iscritta all'Ordine dei giornalisti della Regione Campania. Mi occupo di musica, spettacolo, libri e cultura.