Un viaggio nello spettacolo

Un viaggio nello spettacolo

Che il viaggio abbia inizio

ArticoloLibri

VINCENZINA ORA LO SA: presentata all’ANPI Capodimonte

image_pdfimage_print

Giovedì 18 gennaio 2024 si è svolta presso ANPI Capodimonte la presentazione di Vincenzina ora lo sa romanzo della scrittrice Maria Rosaria Selo edito Rizzoli.

VINCENZINA ORA LO SA: presentata all’ANPI Capodimonte

L’evento

La presentazione del libro si è aperto con la presentazione dei progetti della biblioteca e la lettura di alcuni estratti del romanzo Vincenzina ora lo sa da parte della docente e artista Nadia Carlomagno a seguire, Vincenzo Vacca ha parlato del romanzo Maria Rosaria accennando anche la storia di Italsider di Bagnoli e delle dipendenti della fabbrica in questione. L’incontro è stato molto interessante anche perché ha permesso di conoscere la storia di Italsider.

Trama di Vincenzina ora lo sa

Quando Vincenzina rientra a casa dopo una giornata passata china sui libri universitari ancora non lo sa che la sua vita sta per cambiare. Il padre Ferdinando si è avvelenato i polmoni dopo anni di lavoro e lotte nell’acciaieria di Bagnoli, ‘o cantiere, e quando deve arrendersi alla malattia tocca a Vincenzina prendersi cura di quello che resta della sua famiglia: la madre Antonietta, che si chiude nel lutto lasciando il resto fuori, e la sorella minore Giulia, ancora troppo creatura per capire cosa sia il sacrificio.

Vincenzina mette così da parte il sogno di vedersi laureata ed entra lei stessa nello stabilimento: la rabbia che ha in corpo per il destino perduto si trasforma però presto in coraggio quando si accorge che non è da sola. Tra quelle mura Vincenzina si fa forza grazie a donne che, come lei, la vita ha provato a piegare ma che in quella nuova sorellanza hanno trovato loro stesse: Piera, la caporeparto nerboruta che ama Pasolini, Anna, e i suoi occhi verdi e gentili nascosti dietro la visiera, Elena, che con le sue idee forti ispira le compagne a non arrendersi mai alle avversità.
Siamo negli anni delle grandi contestazioni di piazza e degli scioperi nazionali, dei primi movimenti femministi e dei caschi gialli in cima ai cortei, che Maria Rosaria Selo racconta con una scrittura dall’irresistibile sapore mediterraneo, dando vita a una protagonista fiera e sfrontata. Vincenzina, che conosce il dolore ma guarda dritto il futuro.

/ 5
Grazie per aver votato!

unviaggionellospettacolo

Mi chiamo Anastasia Marrapodi e sono giornalista pubblicista iscritta all'Ordine dei giornalisti della Regione Campania. Mi occupo di musica, spettacolo, libri e cultura.