Amore senza confine: il nuovo libro di poesie di Assunta Cepollaro

image_pdfimage_print

E’ uscito da poco “Amore senza confine” ed è il nuovissimo libro di poesie della poetessa emergente Assunta Cepollaro. Ho avuto l’immenso piacere di incontrarla per voi e farmi una chiacchierata con lei. Ecco cosa ci siamo dette:

Prima di tutto, cos’è per te la poesia?

La poesia è libertà. Con essa vorrei poter risvegliare le coscienze delle persone, magari con un verso d’amore può succedere qualcosa di bello in qualche cuore spento…..

Qual è lo stato di salute della poesia oggi?

La poesia è in tutti noi da sempre, viviamo un tempo dove tutto corre più veloce delle parole, la gente è distratta da cose superflue, solo noi stessi possiamo cambiare le cose e rendere il mondo migliore, perché no, anche grazie al potere della poesia che è capace di tutto!!

In quale genere letterario vorresti cimentarti?

Biografie e romanzi. Mi piacerebbe raccontare storie di persone comuni, far sapere quello che vive nascosto dai nostri occhi e poterlo rendere visibile attraverso le parole.

Chi sono i tuoi maestri?

A scuola quando studiavo il premio Nobel Pirandello, Dante Alighieri con la sua Divina Commedia, ne restavo colpita e ammirata… ma quello che mi ha affascinata di più è stato Giacomo Leopardi perché nelle sue poesie c’è la profondità della riflessione sull’esistenza e quindi sulla condizione dell’umanità.

Vorresti essere pubblicata da una casa editrice, oppure preferiresti rimanere indipendente?

Noi tutti abbiamo dei sogni! Certo, mi piacerebbe essere pubblicata da una casa editrice ma nello stesso tempo vorrei avere sempre la mia indipendenza soprattutto per quello che scrivo…

Che cosa occorre per diventare poeti?

Per diventare poeti occorre l’ immaginazione e soprattutto esprimere tutto quello che si ha dentro…anche vivere un momento gioioso, una giornata indimenticabile, un’ amore, ecc, insomma credo che basti essere se stessi.

A tuo avviso perchè siamo più Paese di poeti che non di lettori?

Uh! Forse perché si fa prima ad esprimere quello che si vuol far conoscere di sé stessi attraverso dei versi… dare l’attenzione agli altri è più difficile ma non complicato….

Scuola, librai, media, editori, poeti: di chi è la responsabilità se la poesia si legge così poco?

Mah! la responsabilità credo che sia il fattore economico, una parte della popolazione vive un periodo difficile e per questo comprano meno cose importanti come un libro, bisognerebbe fare delle iniziative che aiutino queste persone…io dico sempre a chi se lo può permettere di fare un gesto solidale verso il prossimo, regalare un buon libro di poesie può già essere un passo in avanti….poi dovrebbe essere anche la tv ad aiutare con l’informazione, programmi di cultura, ecc.. oggi purtroppo quello che si vede non è bello!

Che cosa occorrerebbe fare per appassionare alla poesia?

Dunque per far si che le persone si appassionino alla poesia bisognerebbe cercare di trovare il giusto filo diretto tra chi scrive e chi legge ed essere capaci di portare il lettore alle proprie attenzioni.

In futuro si leggerà più o meno poesia?

Chi scrive poesie è un portatore di buoni sentimenti, a volte si fa fatica ad ad ottenere l’attenzione delle persone perché viviamo in un mondo che corre troppo…lo scopo della poesia è anche far fermare le persone verso la meditazione…. Io spero che se ne leggeranno.

Tra vendere e far leggere il tuo libro, cosa sceglieresti?

Sapere che anche solo una persona possa leggere quello che scrivo e magari con le mie parole avere la consapevolezza di toccare il cuore e le coscienze di chi in quel momento ha regalato la sua attenzione….beh, il mio obbiettivo non è vendere ma raggiungere la parte più profonda del lettore…

Per chiudere l’intervista, ci regali qualche verso amato?

Certamente.
E’ invisibile, senza nome, il suo aspetto non lo si conosce, vive in un sogno fuori dal tempo, nel vento corre quando la passione ti avvolge e tu vuoi capire cos’è l’amore.

Per acquistare il libro è sufficiente entrare su questo link Amore senza confine

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da unviaggionellospettacolo

Mi chiamo Anastasia Marrapodi e sono giornalista pubblicista iscritta all'Ordine dei giornalisti della Regione Campania. Mi occupo di musica, spettacolo, libri e cultura.